IO, MAMMETA E TU


musicaDomenico Modugno testoRiccardo Pazzaglia data1955


 
Ti avevo detto, dal primo appuntamento,
'e nun purtá nisciuno appriesso a te.
Invece mo 'nu frato, 'na sora, 'na nepote.
Sola nun staje 'na vota,
ascimmo sempre a tre.
E mi hai promesso: "Domani chi lo sa,
vengo io soltanto, soltanto con mammá".
 
Ti avevo detto, dal primo appuntamento,
di non portare nessuno con te.
Invece ora un fratello, una sorella, una nipote.
Sola non stai mai una volta,
usciamo sempre in tre.
E mi hai promesso: "Domani chi lo sa,
vengo io soltanto, soltanto con mamma".
 
Io, mámmeta e tu,
passiammo pe Tuledo,
nuje annanze e mámmeta arreto.
Io mámmeta e tu,
sempe appriesso,
cose 'e pazze,
chesta vène pure ô viaggio 'e nozze.
Jamm'ô cinema, a abballá,
si cercammo 'e ce 'a squagliá,
comm'a 'nu carabiniere
chella vène a ce afferrá.
 
Io, tua madre e te,
passeggiamo per via Toledo,
noi avanti e tua madre dietro.
Io, tua madre e te,
sempre con noi,
cose da pazzi,
questa viene anche in viaggio di nozze.
Andiamo al cinema, a ballare,
se cerchiamo di scappare,
come un carabiniere
quella viene a prenderci.
 
Ah, ah, ah.
Ma, 'nnammurato,
so' rassignato.
Non reagisco più.
Io, mámmeta e tu.

Io, mámmeta e tu.
 
Ah, ah, ah.
Ma, innamorato,
sono rassegnato.
Non reagisco più.
Io, tua madre e te.

Io, tua madre e te.
 
Ma San Gennaro mm'aveva fatto 'a grazia.
Ll'ata matina nun ll'ha fatta aizá.
Teneva ll'uocchie 'e freve,
pareva ca schiattava,
io quase mme credevo
d'ascí sulo cu te.
'Nu filo 'e voce, però, truvaje mammá:
"Da 'a piccerella ve faccio accumpagná".
 
Ma San Gennaro mi aveva fatto la grazia:
l'altra mattina non l'ha fatta alzare:
Aveva gli occhi da febbre,
sembrava che stesse per morire,
io quasi credevo
di uscire solo con te.
Un filo di voce, però, trovò tua madre:
"Dalla piccolina vi faccio accompagnare".
 
"Io, sòreta e tu,
jamm'ô bar ô Chiatamone:
"Vuó 'o cuppetto o vuó 'o spumone1?"
"Chello ca costa 'e cchiù".
Pe ricordo 'e 'sta jurnata,
dint'â villa, ce hanno fatt' 'a foto.
Vo' 'o pallone, vo' 'o babbá
nun se fida 'e cammená.
Guardo a essa, guardo 'o mare,
sto' penzanno 'e ce 'a mená.
 
Io, tua sorella e te,
andiamo al bar a via Chiatamone:
"Vuoi la coppetta o lo spumone1?"
"Quello che costa di più".
In ricordo di questa giornata,
nella villa, abbiamo fatto una foto.
Vuole il pallone, vuole il babà
non vuole camminare.
guardo lei, guardo il mare,
sto pensando di buttarcela.
 
Ah, ah, ah.
Ma, 'nnammurato,
so' rassignato.
Non regisco più.
Io, sòreta e tu.

Io, sòreta e tu.
 
Ah, ah, ah.
Ma, innamorato,
sono rassegnato.
Non reagisco più.
Io, tua sorella e te.

Io, tua sorella e te.
 
Ammore mio, staje sempe cu 'e pariente,
chesta famiglia mme pare 'na tribù.
Arrivano 'a Milano,
arrivano 'a ll'Oriente
e tutta chesta gente
sta sempe attuorno a me.
'Na vecchia zia ca steva a Cefalù,
venuta cca, nun se n'è ghiuta cchiù.
 
Amore mio, stai sempre con i parenti,
questa famiglia mi sembra una tribù.
Arrivano da Milano,
arrivano dall'Oriente
e tutta questa gente
sta sempre intorno a me.
Una vecchia zia che stava a Cefalù,
venuta qui, non se ne è andata più.
 
Io, zíeta e tu,
poverina, è sofferente,
ogne tanto, 'nu svenimento.
Io, zíeta e tu,
ll'uovo frisco, 'a muzzarella,
cammenammo sulo in carrozzella.
 
Io, tua zia e te,
poverina, è sofferente,
ogni tanto, uno svenimento.
Io, tua zia e te,
l'uovo fresco, la mozzarella,
camminiamo solo in carrozza.
 
Sto' pavanno 'a cca e 'a lla,
'e denare chi mm' 'e ddá?
O te lasso o, fra 'nu mese,
sto' cercanno 'a caritá.
 
Sto pagando di qua e di là,
I soldi chi me li da?
O ti lascio o, fra un mese,
sto chiedendo la carità.
 
Ah, ah, ah.
Tu mm'hê 'nguajato,
mme sposo a 'n'ata,
nun ve veco cchiù.
Mámmeta, sòreta e tu.
Páteto, fráteto e tu.
Nònneta, zíeta e tu.
 
Ah, ah, ah.
Tu mi hai inguaiato,
mi sposo un'altra,
non vi vedo più.
Tua madre, tua sorella e te,
tuo padre, tuo fratello e te,
tua nonna, tua zia e te.
 
Páteto, fráteto, nònneta,
sòreta, sòreta, zíeta,
zíeta, páteto, páteto,
fráteto, fráteto, nònneta,
nònneta, páteto, 'o cane.

Scusate giuvinò, io so' 'a bisnonna,
so' turnata proprio mo da 'o 'spitale…

Aaaaaaahhhhhh!!!
Tuo padre, tuo fratello, tua nonna,
tua sorella, tua sorella, tua zia,
tua zia, tuo padre, tuo padre,
tuo fratello, tuo fratello, tua nonna,
tua nonna, tuo padre, il cane.

Scusate giovanotto, io sono la bisnonna…
sono tornata proprio ora dall'ospedale…

Aaaaaaahhhhhh!!!

La canzone venne incisa dallo stesso Modugno che, due anni dopo, fu anche il protagonista dell’omonimo film del 1958 diretto da Carlo Ludovico Bragaglia. Tra le altre interpretazioni, ricordiamo quelle di Nino Taranto, Renato Carosone, Gigi D’Alessio e Massimo Ranieri.
1 Lo spumone è un particolare gelato, nato nel XVII secolo a Parigi grazie ad un pasticciere siciliano che, poi, è stato esportato a Napoli nell'XIX secolo, durante la dominazione Francese. Era molto popolare fino agli anni '60 e '70 del Novecento. Solitamente, sebbene ne esistano molte varianti, lo spumone è formato da un cuore morbido di pan di Spagna, bagnato in un liquore e in uno sciroppo, ricoperto da vari strati di gelato alla nocciola, al cioccolato, alla stracciatella che formano una piccola cupola.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aiuto

2003-2021 © Napoligrafia