LO PAPARACIANNO


musica testoEutalindo Martelli1 data1872


 
Ll'autriere, a Piedegrotta, io mme portaje,
oje 'no canillo ch'era bello assaje.
Tutte appriesso lle vanno.
Oh, quant'è bello 'o Paparacianno2.
Lo Paparacianno mio
lo dóngo a chi vogl'io.
 
L'altro ieri, a Piedigrotta, mi portai,
un cagnolino che era molto bello.
Tutte dietro gli vanno.
Oh, com'è bello il Paparacianno2.
Il Paparacianno mio
lo do a chi voglio io.
 
Dint'a la villa, a Chiaja3, a Margellina,
mme dice la modista4 e la damina:
"E' un cagnolin brittanno".
Oh, quant'è bello 'o Paparacianno.
Lo Paparacianno mio,
lo dóngo a chi vogl'io.
 
Nella villa, a Chiaia3, a Mergellina,
mi dicono la modista4 e la signorina:
"E' un cagnolino britannico".
Oh, com'è bello il Paparacianno.
Il Paparacianno mio
lo do a chi voglio io.
 
Io 'sto canillo addeventá vorría,
vicino a le cchiù belle mme starría.
Quanto vale non sanno.
Oh, quant'è bello 'o Paparacianno.
Lo Paparacianno mio,
lo dóngo a chi vogl'io.
 
Io questo cane diventare vorrei
vicino alle più belle me ne starei.
Quanto vale non sanno.
Oh, com'è bello il Paparacianno.
Il Paparacianno mio
lo do a chi voglio io.
 
Quanno Lisa lo vede 'ì, chiano chiano,
co ll'uocchie fá mme la vorría de mano.
Lle venga no malanno.
Oh, quant'è bello 'o Paparacianno.
Lo Paparacianno mio,
lo dóngo a chi vogl'io.
 
Quando Lisa lo vede passeggiare, piano piano,
con gli occhi vorrebbe rubarmelo.
Le venga un malanno
Oh, com'è bello il Paparacianno.
Il Paparacianno mio
lo do a chi voglio io.
 
Ma Nina ch'è cchiù furba e maleziosa,
p'averlo mme fa sempe la vezzosa.
Non ll'hanno, no, non ll'hanno.
Oh, quant'è bello 'o Paparacianno.
Lo Paparacianno mio,
lo dóngo a chi vogl'io.
 
Ma Nina che è più furba e maliziosa,
per averlo mi fa sempre la provocante.
Non l'avranno, no, non l'avranno.
Oh, com'è bello il Paparacianno.
Il Paparacianno mio
lo do a chi voglio io.
 
Nc'è 'no sciore, 'na stella de lo cielo,
che se nasconne 'ncasa, o co lo velo.
Mo vène, io non mme 'nganno.
Oh, quant'è bello 'o Paparacianno.
Lo Paparacianno mio,
lo dóngo a chi vogl'io.
C'è un fiore, una stella del cielo,
che si nasconde in casa, o col velo.
Ora arriva, io non mi faccio ingannare.
Oh, com'è bello il Paparacianno.
Il Paparacianno mio
lo do a chi voglio io.

Tra le interpretazioni di questa canzone, ricordiamo quella di Roberto Murolo.
1 Eutalindo Martelli è lo pseudonimo utilizzato dal compositore Teodoro Cottrau.
2 Nel gergo della malavita napoletana, la parola paparacianno indica un membro virile di grandi proporzioni. In questo caso, nonostante la traduzione letterale sia "barbagianni", la canzone associa il termine ad un cagnolino, giocando sull'equivoco e sul doppio senso in modo che l'ascoltatore non sa se l'autore si riferisca all'animale o a qualcos'altro.
3 Quartiere di Napoli vicino a Posillipo e San Ferdinando. Nasce nel XVI secolo come borgo indipendente al di fuori delle mura cittadine e deve il suo nome alla parola spagnola playa (spiaggia), che nel tempo è stata modificato dal dialetto in chiaja.
4 La modista era, sino alla seconda metà del Novecento, un operatore del commercio dell'abbigliamento, di solito una donna, che confezionava o vendeva abiti, cappelli e altri tipi di accessori di abbigliamento femminili.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aiuto

2003-2021 © Napoligrafia