LO PRIMM'AMMORE


musicaFrancesco Ruggi testoLuciano Faraone data1846


 
Nennè, 'sta vota sienteme,
nun me lassà speruto.
Apposta so' venuto
pe te potè parlà.
E t'aggi' 'a dì 'stu riepeto
nzegnato da 'stu core.
E' caro 'o primm'ammore
e nun se po' scurdà.
 
Amore, questa volta ascoltami,
non mi lasciar struggere.
Apposta son venuto
per poterti parlare.
E ti devo dire questo lamento
insegnato da questo cuore.
E' caro il primo amore
e non si può dimenticare.
 
Tengo sempe a memoria
quann'ero guagliunciello.
Da chillo fenestiello
currevemo a parlà.
Facevemo a 'nnasconnere
co tutte i frate e sore.
E' caro 'o primm'ammore
e nun se po' scurdà.
 
Ho sempre in mente
quando ero ragazzino.
Da quella finestrella
correvamo a parlare.
Giocavamo a nascondino
con tutti i fratelli e sorelle.
E' caro il primo amore
e non si può dimenticare.
 
Cu ll'acqua, viento e tronole
so' curzo tutto 'nfuso
e lo portone nchiuso
hai fatto a me truvà.
Ma nun me pote smovere
nè friddo nè calore.
E' caro 'o primm'ammore
e nun se po' scurdà.
 
Con acqua, vento e tuoni
sono corso tutto bagnato
e il portone chiuso
hai fatto a me trovare.
Ma non mi può smuovere
nè freddo nè calore.
E' caro il primo amore
e non si può dimenticare.
 
Mm'haje fatto 'a notte sbattere
pe sott' 'a lu balcone.
Ma co lli cante e suone
t'aggio fatto io scetà.
Mme n'haje purtate nzuocolo
menannome 'nu sciore.
E' caro 'o primm'ammore
e nun se po' scurdà.
 
Mi hai fatto la notte palpitare
sotto al balcone.
Ma con canti e suoni
ti hi fatto io svegliare.
Mi hai portato in estasi
mandandomi un fiore.
E' caro il primo amore
e non si può dimenticare.
 
E nun mme dà cchiù tuosseco,
dimme ca me vuò bbene.
Levame da ste ppene
e nun me fa crepà.
Fenimmo mo ' sti lotane
e ddì cu tutt' 'o core
“E' caro 'o primm'ammore
e nun se po' scurdà”.  
E non mi dare più veleno,
dimmi che mi vuoi bene.
Liberami da queste pene
e non mi far morire.
Fermiamo adesso questi contrasti
e di' con tutto il cuore.
"E' caro il primo amore
e non si può dimenticare".  

Tra le interpretazioni di questo brano, ricordiamo quelle di Fausto Cigliano e Roberto Murolo.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aiuto

2003-2021 © Napoligrafia