LO RIALO


dataXVIII sec


 
Tiene 'na rosa 'nfronte
ch'aggraziata è tanto,
chiena d'addore e 'ncanto,
che pace non me dà.
Ma io saccio che t'è cara
'sta rosa accussì bella.
 
Hai una rosa in viso
che graziosa è tanto,
piena di profumo e incanto,
che pace non mi dà.
Ma io so che ti è cara
questa rosa così bella.
 
Dammè, dammè, dammella,
non me fà cchiù aspettà.
 
Dammela, dammela, dammela,
non mi far più aspettare.
 
Pecchè ne sî gelosa,
gelosa de 'no sciore?
Non sai che vista e addore
subbeto se ne va?
Ma almeno, nenna mia,
dammene 'na frunnella.
 
Perchè ne sei gelosa,
gelosa di un fiore?
Non sai che vista e profumo
subito se ne vanno?
Ma almeno, amore mio,
dammene un petalo.
 
Dammè, dammè, dammella,
non me fà cchiù penà.
 
Dammela, dammela, dammela,
non mi far più penare.
 
Tu dire me potraje
“Portame a fà la zita,
tanno purzì la vita
'sto core te darrà”.
Ma io 'ncopp'a 'sta grillanna
voglio 'sta rosa bella.
 
Tu dire mi potrai
“Portami a sposare,
allora persino la vita
questo cuore ti darà”.
Ma io su questa ghirlanda
voglio questa rosa bella.
 
Dammè, dammè, dammella,
e po jamm' 'a spusà.
Dammi, dammi, dammela,
e poi andiamo a sposarci.

Il brano, probabilmente una canzone popolare rielaborata nel 1872 da Giacobbe Di Capua, venne riproposto da artisti come Sergio Bruni e Roberto Murolo.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aiuto

2003-2021 © Napoligrafia