MA CHE GUAGLIONE


musicaEdilio Capotosti testoAngelo De Lorenzo data1957


 
Pecchè mme vide sempe piccerillo,
'o ssaje mamma ca tengo già vint'anne.
So' 'nnammurato 'e chillo ciore bello,
nun trovo 'n'ora 'e pace, c' 'aggi' 'a fà.
Si te parlo 'e chesti ppene,
tu mme cante 'na canzone
ca mme fà 'ncuietà.
 
Perchè mi vedi sempre piccolino,
lo sai mamma che ho già vent'anni.
Sono innamorato di quel fiore bello,
non trovo un'ora di pace, che devo fare.
Se ti parlo di queste pene,
tu mi canti una canzone
che mi fa arrabbiare.
 
Ma che guaglione, che guaglione, mammà!
Nun songo cchiù guaglione.
Ma che pallone, che pallone, mammà!
Nun voglio cchiù ghiucà.
I' tengo 'na passione dint'ô core
che fà smanià e suffrì pe tutt' 'a vita.
E' amara comme quanno è scuro 'o mare
e pure è tanto doce e fà campà.
Ma che guaglione, che guaglione, mammà!
Nun songo cchiù guaglione.
Nun 'a cantà chella canzone, mammà!
Nun 'a voglio cchiù sentì.
 
Ma quale ragazzo, quale ragazzo, mamma!
Non sono più ragazzo.
Ma quale pallone, quale pallone, mamma!
Non voglio più giocare.
Io ho una passione nel cuore
che fa agitare e soffrire per tutta la vita.
E' amara come quando è scuro il mare
eppure è tanto dolce e fa vivere.
Ma quale ragazzo, quale ragazzo, mamma!
Non sono più ragazzo.
Non la cantare quella canzone, mamma!
Non la voglio più sentire.
 
Nun so' pittate chisti mustaccielli,
so' nire e so' crisciuti da cinc'anne.
Nun voglio cchiù pazzià cu 'e guagliuncielli,
ma voglio chella femmena vasà.
Chesti llacreme 'e passione
nun 'e chiagne 'nu guaglione
e tu 'o ssaje, mammà!
 
Non sono dipinti questi baffetti,
sono neri e sono cresciuti da cinque anni.
Non voglio più giocare con i ragazzi,
ma voglio quella donna baciare.
Queste lacrime di passione
non le piange un ragazzo
e tu lo sai, mamma!
 
I' tengo 'na passione dint'ô core
che fà smanià e suffrì pe tutt' 'a vita.
E' amara comme quanno è scuro 'o mare
e pure è tanto doce e fà campà.
Ma che guaglione, che guaglione, mammà!
Nun songo cchiù guaglione.
Nun 'a cantà chella canzone, mammà!
Nun 'a voglio cchiù sentì.
Nun 'a voglio cchiù sentì.
Io ho una passione nel cuore
che fa agitare e soffrire per tutta la vita.
E' amara come quando è scuro il mare
eppure è tanto dolce e fa vivere.
Ma quale ragazzo, quale ragazzo, mamma!
Non sono più ragazzo.
Non la cantare quella canzone, mamma!
Non la voglio più sentire.
Non la voglio più sentire.

Tra le interpretazioni di questa canzone, ricordiamo quelle di Aurelio Fierro, Rino Salviati, Johnny Dorelli e Claudio Villa.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aiuto

2003-2021 © Napoligrafia