'MMASCIATA 'E GELUSIA


musicaFurio Rendine testoAntonio Napoli data1952


 
Si chella v'ha mannata
pe mme turnà 'sti lettere,
pecchè nun me vo' sentere
e nun me vo' vedè,
credite so' bugie,
l'hanno cuntato chiacchiere.
E' 'a gente ca vo' ridere
parlanno male 'e me.
 
Se quella vi ha mandato
per ridarmi queste lettere,
perchè non mi vuol sentire
e non mi vuole vedere,
credete sono bugie,
le hanno raccontato chiacchiere.
E' la gente che vuole ridere
parlando male di me.
 
E' stata 'na 'mmasciata 'e gelusia,
è stata 'na 'mmasciata 'e 'nfamità.
Sapenno ch'era tutt' 'a vita mia,
nce l'hanno fatto pe ce fà lassà.
Dicitincello a Maria
ch' 'a voglio bbene.
 
E' stato un messaggio di gelosia,
è stato un messaggio di cattiveria.
Sapendo ch'era tutta la vita mia,
ce l'hanno fatto per farci lasciare.
Diteglielo a Maria
che le voglio bene.
 
Me pare 'na guagliona,
nun me pare maje 'na femmena.
Me mette 'ncroce 'st'anema
senza n'avè pietà.
Ê vvote mamma mia,
quanno me vede 'e chiagnere
me vene 'asciuttà 'e llacreme
pe nun me fà suffrì.
 
Me sembra una ragazzina,
non mi sembra mai una donna.
Mi tormenta quest'anima
senza averne pietà.
A volte mamma mia,
quando mi vede piangere
viene ad asciugarmi le lacrime
per non farmi soffrire.
 
E' stata 'na 'mmasciata 'e gelusia,
………………………………
 
E' stato un messaggio di gelosia,
………………………………
 
Sapenno ch'era tutt' 'a vita mia,
nce l'hanno fatto pe ce fà lassà.
Dicitincello a Maria
ca po' turnà.
Sapendo ch'era tutta la vita mia,
ce l'hanno fatto per farci lasciare.
Diteglielo a Maria
che può tornare.

Tra le interpretazioni di questa canzone, ricordiamo quelle di Nino Delli, Enzo Del Forno, Tina De Paolis, Mario Trevi, Franco Ricci e Maria Paris.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aiuto

2003-2021 © Napoligrafia