MA CHI SA?


musicaMario Pasquale Costa testoSalvatore Di Giacomo data1905


 
'Ncopp'a ll' uocchie…
'Ncopp'a ll' uocchie nire e doce…
'Ncopp'a ll' uocchie 'e Catarina,
nn' aggio fatto cantà voce,
ogne sera e ogne matina.
P'avantà 'sti dduje brillante
m'accattaje 'na penna 'argiento
e 'ncantate tuttequante
fece overo rummanè.
 
Sugli occhi…
Sugli occhi neri e dolci…
Sugli occhi di Caterina,
ne ho fatto cantare voci,
ogni sera e ogni mattina.
Per elogiare questi due brillanti
mi comprai una penna d'argento
e incantati tutti
fece davvero rimanere.
 
Fece overo rummanè…
Catarì, Catarì,
mme dicevano ca sì
'sti dduje bell'uocchie 'e velluto,
ca sincere aggio creduto!
Ma chi sa, diceva 'a gente,
si 'st'ammore se mantene!
Ma chi sa si te vo' bbene!
 
Fece davvero rimanere…
Caterì, Caterì,
mi dicevano di sì
questi due begli occhi di velluto,
che sinceri ho creduto!
Ma chi sa, diceva la gente,
se quest'amore si mantiene!
Ma chi sa se ti vuole bene!
 
Dio che vase…
Dio che vase 'nzuccarate
c'aggio dato a 'sta vucchella,
E che vase ca mm'hê dato
cu 'sta vocca piccerella.
'Ncopp'â carta tuttequante
s' 'e 'nnutava 'a penna 'argiento
e canzone a ciento a ciento
se cantavano pe tte.
 
Dio che baci…
Dio che baci zuccherati
che ho dato a questa boccuccia,
E che baci che mi hai dato
con questa bocca piccolina.
Sulla carta tutti
se li annotava la penna d'argento
e canzoni a centinaia
si cantavano per te.
 
Se cantavano pe tte…
Catarì, Catarì,
mme dicevano ca sì,
e maje cchiù mm' 'o scurdarraggio,
'sti ddoje fronne 'e rosa 'e maggio!
Ma chi sa, diceva 'a gente,
si 'st'ammore se mantene!
Ma chi sa si te vo' bbene!
 
Si cantavano per te…
Caterì, Caterì,
mi dicevano di sì,
e mai più me lo scorderò,
questi due petali di rosa di maggio!
Ma chi sa, diceva la gente,
se quest'amore si mantiene!
Ma chi sa se ti vuole bene!
 
Comm'infatte…
Comm'infatte, e appena quanno
chisto core scanusciuto
p' 'o vantà so' ghiuto ascianno,
maje truvà l'aggio potuto.
E 'a canzone appassiunata
che t'avevo scritto apposta
mm'è rummasa accuminciata,
meza fatta e meza no.
 
E infatti…
E infatti, e appena quando
questo cuore sconosciuto
per elogiarlo sono andato cercando,
mai trovare l'ho potuto.
E la canzone appassionata
che t'avevo scritto apposta
mi è rimasta incominciata,
mezza fatta e mezza no.
 
Meza fatta e meza no…
Catarì, Catarì,
mme dicevano ca sì,
'st'uocchie belle e 'sta vucchella
piccerella piccerella!
Ma chi sa, diceva 'a gente,
chella lla che core tene!
Ma chi sa si te vo' bbene!
Mezza fatta e mezza no…
Caterì, Caterì,
mi dicevano di sì,
questi occhi belli e questa boccuccia
piccolina piccolina!
Ma chi sa, diceva la gente,
quella là che cuore ha!
Ma chi sa se ti vuole bene!

Tra le interpretazioni di questa canzone, ricordiamo quella di Giorgio Schöttler.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aiuto

2003-2021 © Napoligrafia