MAISTRALE


musicaNino Oliviero testoVincenzo De Crescenzo data1958


 
Cannetè, Cannetè,
mo nun songo chiù niente pe tte.
'Sto mare 'o 'ssape già,
'o viento 'o vvo' sapè.
'Nu padrone 'e paranza
pe Castiellammare s'embarca, Cannetè,
oè, oè che cielo… oè.
 
Candida, Candida,
ora non sono più niente per te.
Questo mare lo sa già,
il vento lo vuole sapere.
Un padrone di paranza
per Castellammare si imbarca, Candida,
oè, oè che cielo… oè.
 
Nun 'o siente, Maistrale,
chi cummanna 'sti vvele
nun sape che mare
lle porta 'stu viento.
 
Non lo senti, Maestrale,
chi comanda queste vele
non sa che mare
gli porta questo vento.
 
Ciento nuvole nere
'ncopp'a 'st'onne d'argiento
so' scese stasera
pe dicere no.
Ca stasera, stasera,
io songo ô Maistrale
tu si 'o mare pe mme
 
Cento nuvole nere
su queste onde d'argento
sono scese stasera
per dire no.
Che stasera, stasera,
io sono come il Maestrale
tu sei il mare per me
 
Ciento nuvole nere
'ncopp'a 'st'onne d'argiento
so' scese stasera
pe dicere no.
Ca stasera, stasera,
io so' comme ô Maistrale
tu si 'o mare pe mme
 
Cento nuvole nere
su queste onde d'argento
sono scese stasera
per dire no.
Che stasera, stasera,
io sono come il Maestrale
tu sei il mare per me
 
Cannetè, Cannetè,
si t'embarche
è fernuta pe mme…
oè, oè, Cannetè.
Candida, Candida,
se t'imbarchi
è finita per me…
oè, oè, Candida.

Il brano fu presentato alla sesta edizione del Festival della Canzone Napoletana, che si tenne a Napoli dal 12 al 14 giugno. Nell’occasione fu cantato da Luciano Virgili e Claudio Terni. Tra le altre interpretazioni, ricordiamo quella di Claudio Villa.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aiuto

2003-2021 © Napoligrafia