MANNAGGIA Ô SURICILLO


musica testoAntonino Bonaccorsi data1954


 
Quinnece anne, 'na piccerella
pasce, cresce e s'allonga 'a gunnella.
Cuncettella è 'na signurinella
che sempe cchiù bella, cchiù bella se fa.
 
Quindici anni, una bambina
pasce, cresce e si allunga la gonnella.
Concettina è una signorinella
che sempre più bella, più bella si fa.
 
Pascalino, studente perfetto,
allippato, bellillo, brunetto,
pe ll'ammore che spanteca 'mpietto
se piazza 'e rimpetto, 'e rimpetto a guardà.
 
Pasqualino, studente perfetto,
ben vestito, carino, brunetto,
per l'amore che spasima nel petto
si piazza di fronte, di fronte a guardare.
 
Sì sì, no no, sì sì,
'nu suspiro, 'na parola,
'na parulella sola
quanta cose sape dì.
 
Sì sì, no no, sì sì,
un sospiro, una parola,
una parolina sola
quante cose riesce a dire.
 
Ah… mannaggia ô suricillo e ppezza 'nfosa1
Ah… l'ammore a primmavera è fatto 'e rose.
So' rose tea, ruselle senza spine
che pe destino 'a vita fa spuntà.
Ll'ammore a primmavera è fatto 'e vase,
mannaggia ô suricillo e ppezza 'nfosa.
 
Ah… mannaggia al topolino e allo pezza bagnata1
Ah… l'amore in primavera è fatto di rose.
Sono rose tea, rosette senza spine
che per destino la vita fa spuntare.
L'amore in primavera è fatto di baci,
mannaggia al topolino e allo pezza bagnata.
 
Quinnece anne, c' 'o primmo scarpino,
Cuncettella se mette 'ncammino.
Pe 'na strada chiammata destino,
luntano vicino va trova chisà.
 
Quindici anni, con il primo scarpino,
Concettina si mette in cammino.
Per una strada chiamata destino,
lontano vicino cerca chissà cosa.
 
Passa 'o tiempo, se pitta 'a faccella.
Passa 'o tiempo, s'accorcia 'a gunnella.
Fa sviluppi chesta signurinella
che sempe cchiù bella, cchiù bella se fa.
 
Passa il tempo, si trucca il viso.
Passa il tempo, so accorcia la gonnella.
Fa sviluppi questa signorina
che sempre più bella, più bella si fa.
 
Che smania 'int'a ll'està,
Cuncettella è penzierosa,
ll'ammore è chella cosa
che che fa sempe suspirà.
 
Che desiderio in estate,
Concettina è pensierosa,
l'amore è quella cosa
che che fa sempre sospirare.
 
Ah… mannaggia ô suricillo e ppezza 'nfosa
…………………………………………
 
Ah… mannaggia al topolino e allo pezza bagnata
…………………………………………
 
Badate a vvuje, figliole 'nnammurate,
quanno vasate 'e rrose 'int'a ll'està,
si no succede sempre 'a stessa cosa,
e po… mannaggia ô suricillo e ppezza 'nfosa.
Badate a voi, ragazze innamorate,
quando baciate le rose in estate,
se no succede sempre la stessa cosa,
e poi… mannaggia al topolino e allo pezza bagnata.

Il brano fu presentato alla seconda edizione del Festival della Canzone Napoletana, che si tenne a Napoli dal 20 al 22 maggio. Nell’occasione, fu cantato da Katyna Ranieri e Maria Paris, piazzandosi all’ottavo posto. Tra le altre interpretazioni, ricordiamo quelle di Mimì Ferrari e Giacomo Rondinella.
1 Esistono varie teorie che cercano di ricostruire le circostanze che hanno portato alla nascita di questa imprecazione. Lo scrittore Renato De Falco, in “Alfabeto Napoletano”, interpreta interpreta il proverbio come “mannaggia ô suricillo ‘e ppezza ‘nfosa” dando quindi alla locuzione “‘e” il ruolo di preposizione. In questo caso non si deve pensare al “suricillo” come topo, ma al residuo di pelle e sporcizia che viene prodotto dall’energico sfregamento di una pezza bagnata sul corpo, un filamento simile alla coda di un topolino. L’imprecazioni, quindi, sarebbe riferita al lavoro extra per eliminare questi fastidiosi e appiccicosi resti.
Un’interpretazioni simile, invece, identifica i “suricilli” come il risultato del passaggio di una pezza bagnata sul pavimento e/o sui vetri di casa durante le pulizie domestiche.
Un’altra teoria, associa la genesi di questa imprecazione ad un espediente domestico che prevedeva l’utilizzo di una pezza bagnata per precludere ai topi il passaggio sotto le porte. L’esclamazione veniva quindi pronunciata nel caso in cui il “trucco” non funzionasse e il roditore riusciva comunque ad entrare in casa o a scappare.
Infine, c’è chi dà all’imprecazione un’origine sessuale, identificando il “suricillo” con il membro maschile e “la pezza bagnata” con l’organo sessuale femminile, quest’ultimo nella condizione in cui si trova in alcuni giorni del mese, vietando o sconsigliando qualsiasi tipo di rapporto.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aiuto

2003-2021 © Napoligrafia