'NCOPP'ALL'ONNA


musicaVittorio Fassone testoLibero Bovio data1918


 
Cchiù verde d' 'e ffrónne
stasera so' ll'onne,
so' ll'onne d' 'o mare.
Mme 'ncanto e mme pare
ch' 'a varca se sperde
pe 'mmiez'a 'stu vverde.
E i' voco e, vucanno, mme scordo.
Mme scordo d' 'o munno, Marì.
 
Più verdi delle foglie
sono stasera le onde,
sono le onde del mare.
Mi incanto e mi pare
che la barca si sperda
in mezzo a questo verde.
E io remo e, remando, mi dimentico.
Mi dimentico del mondo, Maria.
 
Nonna, nonna,
'ncopp'a ll'onna,
comm'è bello 'int'â varca a durmì.
Doce è 'o suonno
ca mme sonno.
Ah, putesse,
sunnanno, murì.
 
Ninna nanna,
sull'onda,
come è bello nella barca dormire.
Dolce è il sogno
che mi sogno.
Ah, potessi,
sognando, morire.
 
Sunate, campane
vicine e luntane
ca 'o mare risponne.
Rispónnono ll'onne
ch' 'a sanno 'sta voce
ca è triste, ma è doce.
P' 'a terra e p' 'o mare è 'na pace.
Chest'ora, mme fa 'ntennerì.
 
Suonate, campane
vicine e lontane
che il mare risponde.
Rispondono le onde
che la conoscono questa voce
che è triste, ma è dolce.
Per terre e per mare è una pace.
Quest'ora, mi fa intenerire.
 
Nonna, nonna,
………………..
 
Ninna nanna,
………………
 
Marì, tutt' 'e ggioje
d' 'a vita so' 'e ttoje,
ma 'o mare è d' 'o mio.
Cca regno sul'io,
pecché, 'o marenaro
è 'o rre 'mmiez'ô mare.
Cu 'st'èvera bella ch'addora,
mme faccio 'a curona, Marì.
 
Maria, tutte le gioie
della vita sono tue,
ma il mare è mio.
Qua regno solo io
perchè, il marinaio
è il re in mezzo al mare.
Con questa erba bella che profuma,
mi faccio la corona, Maria.
 
Nonna, nonna,
………………..
Ninna nanna,
………………

Tra le interpretazioni di questa canzone, ricordiamo quelle di Mario Abbate, Luciano Lualdi, Ferdinando Rubino, Claudio Villa, Gabriele Vanorio, Enzo De Muro Lomanto, Roberto Murolo, Aurelio Fierro e Mirna Doris.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aiuto

2003-2021 © Napoligrafia