'NCOPP' 'E CAMALDULE


musicaGiuseppe Cioffi testoNello De Lutio data1953


 
'Ncopp'ê Camáldule1, addó 'a dummeneca
ce ne sagliévamo, comme vurrìa turnà.
E ce scegliessemo 'na via sulagna
'e 'sti ccampagne, pe ce puté vasà.
 
Ai Camaldoli1, dove la domenica
salivamo, come vorrei tornare.
E sceglieremmo una via solitaria
di queste campagne, per poterci baciare.
 
Addó ce sta 'na funtanella ancora
ca, cchiù 'e 'na vota, ce ha levato 'arzura.
Pare ca ll'acqua canta: "Ammore, ammore"
comme cantava 'o core tujo, Marì.
 
Dove c'è ancora una fontanella
che, più di una volta, ci ha tolto l'arsura.
Sembra che l'acqua canti: "Amore, amore"
come cantava il tuo cuore, Maria.
 
Pecché, pecché,
nun vuó turnà cu me 'ncopp'ê Camáldule?
Pecché, pecché,
nun pònno cchiù turnà chelli ddummeneche?
Quanno dicive, pallida,
cu 'o desiderio 'e me:
"Chisà quala dummeneca,
io moro 'mbracci'a te".
 
Perchè, perchè
non vuoi tornare con me ai Camaldoli?
Perchè, perchè,
non possono più tornare quelle domeniche?
Quando dicevi, pallida,
col desiderio di me:
"Chissà quale domenica,
io morirò tra le tue braccia".
 
E' maggio e guardo 'nu calannario.
'Stu mese, 'o quínnece, ce avevam' 'a spusà.
P' 'o mare, tornano 'e rrundinelle
e tu, 'a cchiù bella, nun viene a dì: "Sto' cca".
 
E' maggio e guardo un calendario.
Questo mese, il quindici, ci dovevamo sposare.
Dal mare, tornano le rondinelle
e tu, la più bella, non vieni a dire: "Sono qua".
 
'A vicchiarella mia t'aspetta ancora.
T'arraccumanna 'int'ê ppreghiere, 'a sera.
'A puverella se lusinga e spera
'e te vedé, felice, 'mbracci'a me.
 
Mia mamma ti aspetta ancora.
Ti raccomanda nelle preghiere, la sera.
La poveretta si illude e spera
di vederti, felice, tra le mie braccia.
 
Pecché, pecché,
…………………..
Perchè, perchè,
………………….

Tra le interpretazioni di questa canzone, ricordiamo quelle di Mario Trevi, Maria Paris e Sergio Bruni.
1 La Collina dei Camaldoli, con i suoi 452 metri sul livello del mare, è il rilievo più alto della città di Napoli. La sua origine viene fatta risalire a circa 35.000 anni fa, in seguito a violente eruzioni che colpirono tutta l'area vulcanica dei Campi Flegrei.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aiuto

2003-2021 © Napoligrafia