‘NDIFFERENZA


musicaEvemero Nardella testoLibero Bovio data1936


 
Nun mme canusce cchiù? Pecché ch'è stato?
A me mme pare ca so' tale e quale.
Nun so' cchiù ardente comme p' 'o ppassato
ma, certamente, nun te voglio male.
Primma mme 'ntussecavo 'a vita mia
e mo mm' 'a piglio cu filosofía.
 
Non mi riconosci più? Perchè cos'è successo?
A me sembra che sono tale e quale.
Non sono più focoso come una volta
ma, certamente, non ti voglio male.
Una volta mi rovinavo la vita
e ora la prendo con filosofia.
 
Cade 'o munno?
E che mme 'mporta?
More 'a gente?
E ch'aggi' 'a fá?
Sî scuntenta?
E chell'è 'a porta.
Sî cuntenta?
E statte cca.
Va' gioja bella,
nun mme 'mporta 'e niente.
Io mme so' fatto
'o primmo 'ndifferente.
 
Cade il mondo?
E che me ne importa?
Muore la gente?
E che devo fare?
Sei scontenta?
E quella e la porta.
Sei contenta?
E rimani qua.
Vai gioia bella,
Non mi importa di niente.
Sono diventato
il primo indifferente.
 
E pássate 'na mano p' 'a cuscienza
e penza a quanta tuósseco mm'hê dato.
Dice: "Ma mo ched è 'st'indifferenza?"
"E' forse 'o segno ca mme so' stracquato".
Si 'o pugne cu 'na spíngula 'stu core
io credo ca nun sente cchiù dulore.
 
E passati una mano sulla coscienza
e pensa a quanto dispiacere mi hai dato.
Dici: "Ma ora cos'è questa indifferenza?"
"E' forse il segnale che mi sono stancato".
Se pungessi con una spilla il mio cuore
io credo che non senta più dolore.
 
Cade 'o munno?
………………….
 
Cade il mondo?
…………………
 
T'odio? E pecché? Sarría troppa fatica.
Po che mm'hê fatto? Nun mm'hê fatto niente.
Mo faccio 'o cunto ca tu sî 'n'amica
ca voglio bene 'ndifferentemente.
'O bbì 'st'ánema mia ch'è addeventata?
Eppure quanto, quanto t'aggio amata.
 
Ti odio? E perché? Sarebbe troppo faticoso.
Poi cosa mi hai fatto? Non mi hai fatto niente.
Ora faccio finta che tu sia un'amica
a cui voglio bene indifferentemente.
Lo vedi quest'anima mia cosa è diventata?
Eppure quanto, quanto ti ho amata.
 
Cade 'o munno?
………………….
Cade il mondo?
…………………

Tra le interpretazioni di questa canzone, ricordiamo quelle di Salvatore Papaccio e Pino Mauro.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aiuto

2003-2021 © Napoligrafia