'NNAMMURATE DISPETTUSE


musicaFurio Rendine testoVincenzo De Crescenzo data1957


 
   Lui:
Facimmo un'arte d' 'a matina â sera,
io so' sincero e tu votabandiera.
   Lei:
A 'sta bannera mia nun scioscia viento,
'o viento scioscia a te, ma statte attiento.
   Lui:
Pe tte me sto' perdenno 'na furtuna.
Guardate 'a lla, pe chella faccia 'e luna.
   Lei:
Vedite che garofano schiavone.
Vattenne, tu sî 'o primmo chiacchierone.
 
   Lui:
Facciamo un teatrino dalla mattina alla sera,
io sono sincero e tu voltabandiera.
   Lei:
A questa bandiera mia non soffia vento,
il vento soffia a te, ma stai attento.
   Lui:
Per te sto perdendo una fortuna.
Guardatela là, per quella di luna.
   Lei:
Guardate che garofano schiavone.
Smettila, tu sei il primo chiacchierone.
 
   Lui:
Si me sposo a Mariannina,
aggio 'a casa a Margellina.
   Lei:
Si me sposo a Salvatore,
saglio e scengo cu ascensore.
   Lui:
Quanno vaco pe Tuledo,
porto 'a sciassa1 e 'o servo areto.
   Lei:
Quanno vaco p' 'a Riviera,
porto 'a musica e 'a bandiera.
   Lui:
Si me sposo a Mariagnese,
faccio 'o sinnaco a 'o paese.
   Lei:
Si me sposo a Giambattista,
so' 'a regina 'e Bellavista.
   Insieme:
Me voglio cunzulà, voglio abballà,
voglio cantà.
'Nu ricco matrimonio voglio fà.
 
   Lui:
Se mi sposo con Mariannina,
ho la casa a Mergellina.
   Lei:
Se mi sposo con Salvatore,
salgo e scendo con l'ascensore.
   Lui:
Quando cammino per Toledo,
porto la giacca elegante1 e il servo appresso.
   Lei:
Quando cammino per la Riviera,
porto la musica e la bandiera.
   Lui:
Se mi sposo con Mariagnese,
faccio il sindaco del paese.
   Lei:
Se me sposo con Giambattista,
sono la regina di Bellavista.
   Insieme:
Mi voglio rallegrare, voglio ballare,
voglio cantare.
Un ricco matrimonio voglio fare.
 
   Lui:
Si tu me cirche scusa 'e 'st'incidente,
io te perdono e dico nun fa niente.
   Lei:
Io se te veco addenucchiato 'nterra,
te dico sempe no, dichiaro guerra.
   Lui:
Hê fatto 'a faccia bianca e nun t'arrienne,
aggio capito, jammo, vienitenne.
   Lei:
Pecchè nun te ne vaje? Chi te mantene?
Te n'apprufitte ca te voglio bene.
 
   Lui:
Se tu mi chiedi scusa per questo incidente,
io ti perdono e dico non fa niente.
   Lei:
Io se te vedo inginocchiato per terra,
ti dico sempre no, dichiaro guerra.
   Lui:
Ti è venuta la faccia bianca e non ti arrendi,
ho capito, dai, vieni.
   Lei:
Perchè non te ne vai? Chi ti mantiene?
Te ne approfitti che ti voglio bene.
 
   Lui:
Si me sposo a Mariannina,
a chi 'o ddico "cassatina"?
   Lei:
Si me sposo a Salvatore,
a chi 'o ddico "dolce amore"?
   Lui:
Tiene 'e llabbra d' 'a vucchella
comm' 'a vocca 'e 'na rusella.
   Lei:
E tu tiene 'sti capille
ricciulille ricciulille.
   Lui:
Tu d' 'e bbelle sî 'a cchiù bella,
ma pecchè sî pazzarella?
   Lei:
Tu sî ppazzo e sî 'mpicciuso,
capetuosto e curioso.
   Insieme:
Turnammo 'n'ata vota a 'ccummincià.
Ma che vvuò fà?
Mo tengo 'e nierve, e tu nun me hâ scuccià.
 
   Lui:
Se mi sposo con Mariannina,
a chi lo dico "cassatina"?
   Lei:
Se mi sposo con Salvatore,
a chi lo dico "dolce amore"?
   Lui:
Hai le labbra della bocca
come la bocca di una rosa.
   Lei:
E tu hai questi capelli
ricciolini ricciolini.
   Lui:
Tu tra le belle sei la più bella,
ma perchè sei pazzerella?
   Lei:
Tu sei pazzo e sei litigioso,
testardo e strano.
   Insieme:
Torniamo un altra volta a ricominciare.
Ma che vuoi fare?
Ora sono nervoso e tu non mi devi scocciare.
 
   Lui:
E dammillo 'nu vasillo,
piccerillo piccerillo.
   Lei:
Uno sulo, ampresso ampresso,
ca si no vuò  o riesto appriesso.
   Insieme:
Iammuncènne vocca doce:
ma facimmoce capace
ca si pure stammo 'ncroce
nuje facimmo sempe pace.
'Na pace ca mez'ora po' durà,
pecchè si sa
ll'ammore, quann'è ammore, chesto fa.
   Lui:
E dammelo un bacino,
piccolino piccolino.
   Lei:
Uno sulo, veloce veloce,
che se no dopo vuoi il resto.
   Insieme:
Andiamocene bocca dolce:
ma rendiamoci conto
che se anche siamo in crisi
noi facciamo sempre pace.
Una pace che mezz'ora può durare,
perchè si sa
l'amore, quando è amore, questo fa.

Il brano fu presentata alla quinta edizione del Festival della Canzone Napoletana, che si tenne dal 16 al 18 maggio. Nell’occasione fu cantato, in coppia, da Gloria Christian e Giacomo Rondinella, piazzandosi al terzo posto. Tra le altre interpretazioni, ricordiamo quelle di Carla Boni con Gino Latilla, Miranda Martino con Giacomo Rondinella, Olga Pizzi con Aurelio Fierro, Nilla Pizzi con Elio Mauro, Sergio Bruni.
1 Il termine "sciassa", preso in prestito dal francese "châsse", indica una giacca elegante a falde aperte centralmente dalla vita in giù.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aiuto

2003-2021 © Napoligrafia