NUVOLE


musicaFrancesco Cimmino, Giuseppe Spizzica testoGiuseppe Porcaro data1960


 
Nuvole, nuvole, nuvole.
 
Nuvole, nuvole, nuvole.
 
P' 'o cielo scuro corrono 'mpazzute,
'nfra lampe e tuone, 'e nnuvole.
'Stu core mio p' 'o munno s'è sperduto,
currenno senza pace appriesso a tte.
 
Nel cielo scuro corrono impazzite,
tra lampi e tuoni, le nuvole.
Questo cuore mio per il mondo si è perduto,
correndo senza pace dietro di te.
 
Nuvole,
che so' 'sti nnuvole
ca 'ntussecose stenneno
'nu velo attuorno a mme?
Lacreme,
che so' 'sti llacreme
ca tutt' 'e nnotte scetano
'e smanie 'mpiett' 'a mme?
Chisà addò staje,
vita mia, dimmello tu.
Chisà addò maje
te putarria 'ncuntrà.
Nuvole,
che so' 'sti nnuvole?
Penziere ca turmientano
'e suonne mieje pe tte.
 
Nuvole,
cosa sono queste nuvole
che arrabbiate stendono
un velo attorno a me?
Lacrime,
cosa sono queste lacrime
che tutte le notti svegliano
le ansie nel mio petto?
Chi sa dove sei,
vita mia, dimmelo tu.
Chi sa dove mai
ti potrò incontrare.
Nuvole,
cosa sono questi nuvole?
Pensieri che tormentano
i miei sonni per te.
 
I' m'arricordo ancora 'o primmo vaso,
cchiù doce 'e mille balzeme.
E m'arricordo 'e 'na vucchella 'e rosa,
ca me faceva l'anema 'ncantà.
 
Io mi ricordo ancora il primo bacio,
più dolce di mille balsami.
E mi ricordo du una bocca di rosa,
che mi faceva l'anima incantare.
 
Nuvole,
………………
 
Nuvole,
………………
 
Nuvole, nuvole, nuvole. Nuvole, nuvole, nuvole.

Il brano fu presentato all’ottava edizione del Festival della Canzone Napoletana, che si tenne dal 14 al 16 giugno. Nell’occasione fu cantato da Mario Abbate e Aurelio Fierro, piazzandosi al quarto posto. Tra le altre interpretazioni, ricordiamo quelle di Achille Togliani, Mario Trevi, Claudio Villa e Sergio Bruni.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aiuto

2003-2021 © Napoligrafia