'O DESTINO


musicaSante Palumbo testoTullio De Piscopo data1977


 
Vulesse ca nun schiarasse juorno
e 'sta nuttata se fermasse.
'O cielo è chino 'e stelle,
siente 'o maruzzaro1 comm'allucca.
Chiest'è Napule,
se ride, se canta, se chiagne,
chist'è Napule.
'O destino vo' ca luntano se va a cercà furtuna.
Può girà 'o munno,
ma ll'ammore 'e 'stu paese
nun 'o può truvà.

 
Vorrei che non schiarasse giorno
e questa nottata si fermasse.
Il cielo è pieno di stelle,
senti il maruzzaro1 come urlo.
Questo è Napoli,
si ride, si canta, si piange,
Questo è Napoli.
Il destino vuole che lontano si va a cercare fortuna.
Puoi girare il mondo,
ma l'amore di questo paese
non lo puoi trovare.

 
No, nun parlà,
strigneme forte a te.
No, nun m' 'o ddì,
ca tu parte,
no, nun m' 'o ddì.
Io vurria ca 'o tiempo,
stasera, se farmasse e po,
felicità, tutt'e dduje
dint'â varca a fà ll'ammore.
 
No, non parlare,
stringimi forte a te.
No, non me lo dire,
che tu parti,
no, non me lo dire.
Io vorrei che il tempo,
stasera, si fermasse e poi,
felicità, tutti e due
nella barca a far l'amore.
 
Vita, vita mia,
'a furtuna 'a tiene 'stu paese cca.
Chistu cielo, chistu sole…
strigneme, vasame.
No, nun parlà,
strigneme forte a te.
Va', no, nun te girà,
'o destino vo' accussì.
 
Vita, vita mia,
la fortuna ce l'ha questo paese qua.
Questo cielo, questo sole…
stringimi, baciami.
No, non parlare,
stringimi forte a te.
Va', no, non ti girare,
il destino vuole così.
 
Vita, vita mia,
………………
Vita, vita mia,
………………

Il brano fu lanciato da Iva Zanicchi che lo inserì nell’album “Cara Napoli”, un omaggio alla canzone napoletana in cui questa canzone, scritta e arrangiata da Tullio De Piscopo (che è anche la voce della prima parte parlata), è l’unico inedito.
1 Il maruzzaro era il venditore di lumache.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aiuto

2003-2021 © Napoligrafia