'O FESTINO


musicaE. A. Mario1 testoPacifico Vento data1918


 
Amice. Mme scusate si ve lasso,
ô vico sta 'nfestino, e, chi capisce,
tuorto nun mme po' dà, mme cumpatisce.
Sposa chi mm'ha vuluto bene a me.
Jastemmo e smaledico
'sta femmena busciarda e dispettosa.
Mm'aggio spartuto 'o suonno cu 'n'amico
e chisto amico, mo,
è chillo ca s' 'a sposa.
 
Amici. Scusatemi se vi lascio,
al vicolo c'è un festino, e, chi capisce,
torto non mi può dare, mi compatisce.
Si sposa chi mi ha voluto bene.
Bestemmio e maledico
questa donna bugiarda e dispettosa.
Ho diviso il sogno con un amico
e questo amico, ora,
è quello che se la sposa.
 
Parole doce, frennesia, suspire
e 'na catena 'e vase longa assaje.
Chisto è ll'ammore ca ce 'ncatenaje.
Chist' è ll'ammore ca nun torna cchiù.
'O ssaccio, sta 'nfestino
e nun lle 'mporta 'e me, che a 'stu puntone,
faccio 'a figura 'e 'n'ommo fatto a vino.
Invece io stóngo cca,
'mbriaco 'e passione.
 
Parole dolci, frenesia, sospiri
e una catena di baci molto lunga.
Questo è l'amore che ci ha incatenati.
Questo è l'amore che non torna più.
Lo so, c'è un festino
e non le importa di me, che in quest'angolo,
faccio la figura di un uomo ubriaco.
Invece sto qua,
ubriaco di passione.
 
Nun so' cchiù guappo2 e tèccove 'o curtiello.
No, nun v' 'o voglio dà, mme serve ancora.
Essa è spusata 'a quanto? 'A ''ora? 'A 'n'ora?
Ma dint'ô lietto nun se cuccarrà.
D' 'o sposo nun mme 'mporta,
mo saglio comme fosse 'nu 'mmitato.
Dimane, ognuno dice: "'A sposa è morta.
E' stata accisa". "'A chi?"
"Da 'o primmo 'nnammurato".
Non sono più guappo2 ed eccovi il coltello.
No, non ve lo voglio dare, mi serve ancora.
E' sposata da quanto? Da un'ora? Da un'ora?
Ma nel letto non si stenderà.
Dello sposo non m'importa,
ora salgo come se fossi un invitato.
Domani, ognuno dirà: "La sposa è morta.
E' stata uccisa". "Da chi?"
"Dal primo fidanzato".

Tra le interpretazioni di questa canzone, ricordiamo quelle di Roberto Ciaramella, Silvia Coruzzolo, Peppe Servillo & Solist String Quartet, Enzo Romagnoli e Mario Merola.
1 E. A. Mario è lo pseudonimo utilizzato dal poeta e compositore Giovanni Ermete Gaeta.
2 Il guappo è una figura tipica dell'universo popolare napoletano. Originariamente, rappresenta l'immagine dell'uomo d'onore gentiluomo e romantico, pronto a dirimere le controversie tra le persone e a convincere i giovanotti che avevano messo incinta qualche ragazza a mettere la testa a posto e a sposarla. La parola "guappo" deriva dallo spagnolo "guapo" (bello), origine dovuta al fatto che il guappo si è sempre distinto per l'abbigliamento curato e eccessivo, una postura particolare tesa all'ostentazione di se stesso e una cura maniacale del proprio aspetto fisico. Nel 1900, la figura del guappo comincia ad essere associata alla criminalità organizzata, diventa un imprenditore criminale che svolge soprattutto attività di controllo sui commerci di prodotti ortofrutticoli, molto violento con i suoi avversari e, di contro, molto protettivo con i suoi adepti.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aiuto

2003-2021 © Napoligrafia