PADRONE D' 'O MARE


musicaSalve D'Esposito testoTito Manlio data1959


 
Dint'a 'na rezza ce tengo 'o core.
Ammore, ammore, che m'hê saputo fà?
Me 'nfonno 'a mano dint'a 'st'onne chiare.
Me faccio 'a croce, prego 'e mme salvà.
 
In una rete ci tengo il cuore.
Amore, amore, che mi hai fatto?
Mi bagno la mano in queste onde chiare.
Mi faccio la croce, prego di salvarmi.
 
Mare,
so' padrone d' 'o mare,
ma 'e 'nu ppoco d'ammore.
padrone nun so'.
Cielo,
e ne manno suspire,
stralunato 'e penziere
pe 'sta spina 'int'ô core.
'O vverde è 'na speranza
pittata d'acqua 'e mare.
E 'o vverde 'e 'st'uocchie belle
nun dice “Spera” e i' moro.
Mare,
so' padrone d' 'o mare.
'Nfunno ô funno stasera
ll'ammore se ne va.
 
Mare,
sono padrone del mare,
ma di un po' d'amore.
padrone non sono.
Cielo,
e ne mando suspire,
stralunato di pensieri
per questa spina nel cuore.
Il verde è una speranza
dipinta dall'acqua di mare.
E il verde di questi occhi belli
non dice “Spera” e io muoio.
Mare,
sono padrone del mare.
In fondo al fondo stasera
l'amore se ne va.
 
'A mala nova m' 'a porta 'o viento
e 'o tradimento nun ll'annascunne cchiù.
A lluce 'e sole more 'o sentimento,
e a lluce 'e sole tu nun sì cchiù tu.
 
La brutta notizia me la porta il vento
e il tradimento non lo nascondi più.
Alla luce del sole muore il sentimento,
e alla luce del sole tu nun sei più tu.
 
Mare,
………………
Mare,
………………

Il brano fu presentato alla settima edizione del Festival della Canzone Napoletana, che si tenne dall’11 al 13 giugno 1959. Nell’occasione fu cantato da Elio Mauro e Franco Ricci. Tra le altre interpretazioni ricordiamo quelle di Mario Abbate, Nunzio Gallo, Bruno Venturini, Bob Azzam e Claudio Villa.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aiuto

2003-2021 © Napoligrafia