'O VIULINO


musicaFelice Di Stefano testoCarlo Majello data1954


 
Da vint'anne tatillo teneva
'nu viulino di sua proprietà.
Cu mammella c'appriesse le jeva,
cunsumavano 'e vvie d' 'a città.
 
Da vent'anni papino aveva
un violino di sua proprietà.
Con mammina che lo seguiva,
consumavano le vie della città.
 
E tatillo sunava 'o viulino.
E mammella cantava 'a canzona.
'O nennillo passava 'o piattino.
Liriulì, liriulì, liriulà.
 
E papino suonava il violino.
E mammina cantava la canzone.
Il bambino passava col piattino.
Liriulì, liriulì, liriulà.
 
E tatillo sunava 'o viulino.
………………………
 
E papino suonava il violino.
………………………
 
Ma 'nu juorno tatillo dicette
"Nun ce 'a faccio, so' stanco 'e sunà".
E pusanno 'o viulino murette.
E mammella fernette 'e cantà.
 
Ma un giorno papino disse
"Nun ce la faccio, sono stanco di suonare".
E posando il violino morì.
E mammina smise di cantare.
 
Po mammella vennette 'o viulino
e cagnaje pur'essa 'o padrone.
A nennillo è rimasto 'o piattino
Liriulì, liriulì, liriulà.
 
Poi mammina vendette il violino
e cambiò anche lei il padrone.
Al bambino è rimasto il piattino.
Liriulì, liriulì, liriulà.
 
Po mammella vennette 'o viulino
………………………
 
Poi mammina vendette il violino
………………………
 
P'accattarse 'o viulino 'e tatillo,
sta cantanno migliare 'e canzone.
Dammuncella 'na lira a nennillo.
Liriulì, liriulì, liriulà.
 
Per comprarsi il violino di papino,
sta cantando migliaia di canzoni.
Diamogliela una lira al bambino.
Liriulì, liriulì, liriulà.
 
Dammuncella 'na lira a nennillo.
Liriulì, liriulì, liriulà.
 
Diamola una lira al bambino.
Liriulì, liriulì, liriulà.
 
'Mparaviso se sona 'o viulino,
'ncopp'â terra tenimmo 'o padrone.
Dammuncella 'na lira a nennillo.
In paradiso si suona il violino,
sulla terra abbiamo il padrone.
Diamola una lira al bambino.

Tra le interpretazioni di questa canzone, ricordiamo quelle di Fred Bongusto, Luciano Tajoli, Lia Origoni, Amedeo Pariante e Giacomo Rondinella.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aiuto

2003-2021 © Napoligrafia