TU SÎ 'A MALINCUNIA


musicaFurio Rendine testoAurelio Fierro data1961


 
Si ê vvote io te penso,
mme vene quase 'e chiagnere.
E te vulesse astregnere,
cchiù forte, 'mpiett'a me.
 
Se a volte ti penso,
mi viene quasi da piangere.
E ti vorrei stringere,
più forte, sul mio petto.
 
Ma 'sta malincunìa
ca mme turmenta ll'anema,
mme chiude ll'uocchie e, 'nzuonno,
mme porta 'mbracci'a te.
 
Ma questa malinconia
che mi tormenta l'anima,
mi chiude gli occhi e, nel sonno,
mi porta tra le tue braccia.
 
Tu sî 'a malincunìa
ca trase dint'ô core,
malincunía d'ammore
ca nun mme vo' lassà.
 
Tu sei la malinconia
che entra nel cuore,
malinconia d'amore
che non mi vuole lasciare.
 
Mo ca nun sî d' 'a mia,
te voglio assaje cchiù bene
e sento, dint'ê vvene,
'o desiderio 'e te.
 
Ora che non sei mia,
ti voglio molto più bene
e sento, nelle vene,
il desiderio di te.
 
Tutt' 'a felicità te sî purtata.
Tutt' 'e speranze meje se so' perdute.
 
Tutta la felicità ti sei portata via.
Tutte le mie speranze sono perse.
 
Tu sî 'a malincunìa
ca tengo dint'ô core,
malincunìa d'ammore
ca nun mme lassa cchiù.
Tu sei la malinconia
che ho nel cuore,
malinconia d'amore
che non mi lascia più.

Il brano fu presentato al nono Festival della Canzone Napoletana, che si tenne dal 16 al 18 settembre. Nell’occasione fu cantato da Aurelio Fierro e Betty Curtis, piazzandosi al primo posto. Tra le altre interpretazioni, ricordiamo quelle di Franco Ricci e Roberto Murolo.

Un commento su “Tu sî ‘a malincunia

  1. Esta maravillosa canción me recuerda mi adolescencia junto a mis amigos que habían llegado a la Argentina en la gran oleada de la segunda posguerra. Yo los ayudaba con el idioma y, los fines de semana compartíamos
    diversiones inocentes y bailes en el
    club del pueblo ¡Cuánto los extraño! Me gustaría conseguir el tema cantado ¿Podrán hacerme ese favor? Tante, tantissimi grazie!!!!

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aiuto

2003-2021 © Napoligrafia