ZAPPATORE


musicaFerdinando Albano testoLibero Bovio data1929


 
Felicissima sera,
a tutte 'sti signure 'ncruvattate
e a chesta cummitiva accussí allèra,
d'uommene scicche e femmene pittate.

Chesta è 'na festa 'e ballo.
Tutte cu 'e fracchesciasse 'sti signure.
E i', ca so' sciso 'a copp'ô sciaraballo1,
senza cercà 'o permesso, abballo i' pure.
 
Felicissima sera,
a tutti questi signori incravattati
a questa comitiva così allegra,
di uomini eleganti e donne truccate.

Questa è una festa da ballo.
Tutti con il frac questi signori.
Ed io che sono sceso dalla carrozza1,
senza chiedere permesso, ballo anch'io.
 
Chi so'?
Che ve ne 'mporta.
Aggio araputa 'a porta
e so' trasuto cca.

Musica, musicante.
Fatevi mórdo onore.
Stasera, 'mmiez'a 'st'uommene aligante,
abballa un contadino zappatore.
 
Chi sono?
Cosa vi interessa.
Ho aperto la porta
e sono entrato qua.

Musica, orchestra.
Fatevi molto onore
Stasera, tra questi uomini eleganti,
balla un contadino zappatore.
 
No, signore avvocato,
sentite a me, nun ve mettite scuorno.
Io, pe ve fá signore, aggio zappato
e sto' zappanno ancora, notte e ghiuorno.

E so' dduje anne, dduje,
ca nun scrive 'nu rigo â casa mia.
Si 'ossignuría se mette scuorno 'e nuje,
pur'i' mme metto scuorno 'e 'ossignurìa.
 
No, signor avvocato,
ascoltatemi, non vi vergognate.
Io, per farvi diventare signore, ho zappato
e sto zappando ancora, notte e giorno.

E sono due anni, due,
che non scrivi un rigo a casa mia.
Se vossignoria si vergogna di noi,
Anch'io mi vergogno di vossignoria.
 
Chi so'?
Dillo a 'sta gente
ca i' songo 'nu parente
ca nun 'o può caccià.

Musica, musicante,
ca è bella ll'allerìa.
I' mo ve cerco scusa a tuttuquante
si abballo e chiagno dint'â casa mia.
 
Chi sono?
Dillo a questa gente
che sono un parente
che non puoi mandare via.

Musica, orchestra,
che è bella l'allegria.
Io ora chiedo scusa a tutti
se ballo e piango in casa mia.
 
Mamma toja se ne more.
'O ssaje ca mamma toja more e te chiamma?
Meglio si te 'mparave zappatore,
ca 'o zappatore nun s' 'a scorda 'a mamma.

Te chiamma ancora: "Gioja"
e, arravugliata dint'ô scialle niro
dice: "Mo torna, core 'e mamma soja,
se vene a piglià ll'ùrdemo suspiro".
 
Tua mamma sta morendo.
Lo sai che tua madre muore e ti chiama?
Era meglio se diventavi uno zappatore,
lo zappatore non se la dimentica la mamma.

Ti chiama ancora: "Gioia"
e, avvolta nello scialle nero
dice: "Ora torna, cuore di mamma sua,
viene a prendersi l'ultimo respiro".
 
Chi so'?
Vuje mme guardate?
So' 'o pate, i' sóngo 'o pate
e nun mme po' caccià.

So' 'nu fatecatóre
e magno pane e pane.
Si zappo 'a terra, chesto te fa onore.
Addenócchiate… e vàsame 'sti mmane!
Chi sono?
Voi mi guardate?
Sono il padre, io sono il padre
e non mi può mandare via.

Sono un lavoratore
e mangio pane e pane.
Se zappo la terra, questo ti fa onore.
Inginocchiati… e baciami queste mani!

Il brano fu presentato per la prima volta da Gennaro Pasquariello. Visto il grande successo, l’anno successivo ne fu realizzata anche una sceneggiata, interpretata da Salvatore Papaccio e diretta da Gustavo Serena. Tra le altre interpretazioni ricordiamo quelle di Mario Abbate, Claudio Villa e Giacomo Rondinella, ma è sicuramente quella di Mario Merola, che ne fa il suo cavallo di battaglia, a proiettare definitivamente la canzone nell’olimpo della storia della musica napoletana. Oltre che a teatro, memorabile la sua interpretazione nell’omonimo film del 1980, diretto da Alfonso Brescia.
1 Il termine "sciaraballo" è una delle tante parole del napoletano nate dalla deformazione della traduzione di una francese. In questo caso si tratta di "char-à-bancs", letteralmente "carro con panche", che indicava la diligenza. Al contrario dei nobili, che avevano carrozze private più o meno grandi, lo "sciaraballo" era usato soprattutto da popolani e contadini che, dalle zone periferiche, si spostavano in città.

Un commento su “Zappatore

  1. Anni che non sentivo questa canzone mi è tornata in mente per via della trasmissione di Pio e Amedeo comunque Grazie

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aiuto

2003-2021 © Napoligrafia