ZINGARELLA


musica testoArmando Romeo data1956


 
'Nu giorno cammenavo chiano chiano,
quanno 'ncuntraje p' 'a via 'na zingarella
ca me vulette leggere 'sta mano,
p'andivinà qual era la mia stella.
 
Un giorno camminavo lentamente,
quando incontrai per la via una zingarella
che mi volle leggere questa mano,
per indovinare quale fosse la mia stella.
 
Zingaré, zingaré, dimme 'a sciorta mia qual é?
Songo nato 'nu pezzente o so' nato figlio 'e rre?
"Sî nato cu 'na sciorta bella assaje,
si sarraje buono e t'accuntentarraje.
Si tiene 'e denare nun può avè ll'ammore,
si tiene ll'ammore nun puó avé denare.
Che vuò?" Voglio ll'ammore.
 
Zingarella, zingarella, dimmi il mio destino qual é?
Sono nato pezzente o sono nato figlio di re?
"Sei nato con un destino bello assai,
se sarai buono e ti accontenterai.
Se hai i soldi non puoi avere l'amore,
se hai l'amore non puoi avere soldi.
Che vuoi?" Voglio l'amore.
 
Ma doppo tantu tiempo ca passaje
pazziando cu lu ffuoco de ll'ammore,
'nu bello juorno po me 'nnamuraie,
e mme bruciaje lu funno de lu core.
 
Ma dopo tanto tempo che passai
giocando con il fuoco dell'amore,
un bel giorno poi mi innamorai,
e mi bruciai nel profondo del cuore.
 
Zingaré, zingaré, cagna 'a sciorta mia pecché
nun è certamente 'ammore ca po' fà cuntento a mme.
"Pe chesta vota sola te perdono,
ma mo primma 'e fá 'a scelta penza bbuono.
Si tiene 'e denare nun puó avé ll'ammore,
si tiene ll'ammore nun puó avé denare.
Che vuò?" Voglio 'e denare.
 
Zingarella, zingarella, cambia il mio destino perché
non è certamente l'amore che può far contento a me.
"Per questa volta sola ti perdono,
ma ora prima di fare la scelta pensa bene.
Se hai i soldi non puoi avere l'amore,
se hai l'amore non puoi avere soldi.
Che vuoi?" Voglio i soldi.
 
Cchiú triste addeventaje 'sta vita mia,
cu 'e sacche chiene chiene de ricchezze,
ma dint'ô core che vacantaria,
senza 'n'ammore e senza tenerezza.
 
Più triste diventò questa vita mia,
con le tasche piene piene di ricchezze,
ma nel cuore che malinconia,
senza un amore e senza tenerezza.
 
Zingaré, zingaré, cagna 'a sciorta mia pecché
forze manco 'sti denare ponno fà cuntento a mme.
"Mo saccio tu che tiene dint'ô core,
te voglio fà cuntento, sì signore.
Ammore e denare, denare e ammore,
t' 'e do' tutt' 'e dduje si vuó bene a mme.
Che vuò?" Zingaré, voglio a te.
 
Zingarella, zingarella, cambia il mio destino perché
forse nemmeno questi soldi possono farmi contento.
"Ora so cos'hai nel cuore,
ti voglio far contento, sì signore.
Amore e denari, denari e amore,
te li do tutti e due se vuoi bene a me.
Che vuoi?" Zingarella, voglio te.
 

Il brano, portato al successo dallo stesso autore, fu interpretato anche da Paolo Sardisco con Fiorella Bini, Teddy Reno e Peppino Di Capri.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aiuto

2003-2021 © Napoligrafia